Spettacoli – Massimo Di Michele

Spettacoli


Lisistrata


di: Aristofane
regia: Massimo Di Michele

Lisistrata è la storia di una prima volta nella storia del Teatro. E, come tutte le prime volte, il suo nome si lega ad una rivoluzione culturale.


Dettagli — Guarda il trailer —

Felicità...tà...tà


di: Achille Campanile
regia: Massimo Di Michele

Felicità…tà…tà è un varietà come quelli di una volta, una cornucopia di atti unici, irriverenti e surreali attinti dallo straordinario e multiforme repertorio di Achille Campanile, dalla sua unica ed eccellente capacità di scrittura fondata su una irripetibile ed originale vis ironica.


Dettagli — Guarda il trailer —


Una ragazzata


di: Claudio Calò
regia: Massimo Di Michele

Il 30 settembre 1975, tre giovani neofascisti dei Parioli - Gianni Guido, Andrea Ghira e Angelo Izzo - violentarono e torturarono due ragazze in una villa del Circeo: Rosaria Lopez morì, e Donatella Colasanti si salvò fingendosi morta.


Dettagli —

Echoes


di: Henry Naylor
regia: Massimo Di Michele

Perché mettere in scena Echoes? 
Perché troppo spesso i temi della violenza sulle donne e del femminicidio vengono relegati allo spazio stretto della cronaca nera di un telegiornale. Una lunga sequenza grigia di vicende e di storie umane ridotte a statistica facile da dimenticare.


Dettagli — Guarda il trailer —


Il funerale del padrone


di: Dario Fo
regia: Massimo Di Michele

La vicenda è quella degli operai di una fabbrica all’indomani dell’occupazione. Mentre un improbabile commissario ne ordina lo sgombero, gli scioperanti architettano una messinscena per attirare l’attenzione dei passanti e sensibilizzarli sulle ragioni delle rimostranze.


Dettagli — Guarda il trailer —

Faust Marlowe Burlesque


di: Aldo Trionfo e Lorenzo Salveti
regia: Massimo Di Michele

Faust e Mefistofele, una storia di immortalità e dannazione, perdono e salvezza eterna. Una storia che, almeno per sentito dire, quasi tutti conoscono. Non molti, invece, conoscono la versione che due grandi autori di teatro, Aldo Trionfo e Lorenzo Salveti, hanno scritto nel 1976 per due monumenti del palcoscenico come Carmelo Bene e Franco Branciaroli.


Dettagli — Guarda il trailer —


Bésame Macho


di: Pedro Villora
regia: Massimo Di Michele

Bésame Macho è innanzitutto un testo sul conflitto violento tra i sessi indagato in un mondo come quello di oggi in cui il confine tra maschile e femminile, o meglio mascolino e femminino, è sempre più labile e confuso. L’autore si chiede : che cosa significa essere maschio o femmina?


Dettagli — Guarda il trailer —

Di Terra #1_Embodied


di: Roberto Marinelli
regia: Massimo Di Michele

"L'unico Dio che può parlare di te sei tu."

EMBODY è una parola che in italiano non esiste. Una parola sola che ne contiene molte: personificare, rappresentare, dare corpo, dare forma, plasmare... Può voler dire anche "ricostruire una persona" e "ricomporre un corpo". Una parola che implica una transizione.


Dettagli — Guarda il trailer —


Scritto apposta per me


di: Aldo Nicolaj
regia: Massimo Di Michele

Scritto apposta per me è un esilarante quanto sarcastico e doloroso ritratto contemporaneo del mondo dello spettacolo.

Tra casualità, fatalità, imprevisti, insicurezze, gioie, cadute e gelosie, la protagonista Giulia Sottana Corta, una giovane attrice alle prese con l'ennesimo provino “decisivo”, racconta l'inseguimento del tanto agognato successo artistico, che progressivamente la condurrà alla perdita del controllo sulla sua vita.


Dettagli — Guarda il trailer —

Alexis


di: Marguerite Yourcenar
regia: Massimo Di Michele

"Questa lettera, amica mia, sarà lunghissima."

Ecco la viva testimonianza di una persona: davanti a noi alza la testa, si scopre, sorride, e subito dopo piange, infine ci guarda. Allora capiamo: si è liberata, è riuscita a cantare. Leggendo la lettera che il giovane Alexis scrive a sua moglie per lasciarla, dopo interminabili anni di bugie e ipocrisia, è assistere a un'indagine. Il delitto è innominabile all'inizio perfino da colui che l'ha commesso.


Dettagli — Guarda il trailer —


Orgia


di: Pierpaolo Pasolini
regia: Massimo Di Michele

"A cosa stai pensando? A noi due, che ci riaffacciamo alla vita."

Orgia è l'evocazione nostalgica di un passato lontano dalle imposizioni della società contemporanea, un'età dell'oro a cui si aspira pur non avendola vissuta direttamente, il sogno di un mondo ideale, di pace interiore. L'appiattimento culturale che investe la società attuale è imposto dai mezzi di comunicazione di massa con i suoi ideali di perfetta felicità familiare raggiunti usando "questo prodotto" piuttosto che un altro.


Dettagli — Guarda il trailer —

Il Bello degli Animali è che ti vogliono bene senza chiedere niente


di: Rodrigo Garcia
regia: Massimo Di Michele

"Quando il dolore ti spezza significa che il dolore è sul punto di morire"

Il bello degli animali è che ti vogliono bene senza chiedere niente ha tutte le caratteristiche provocatorie e di denuncia del degrado intellettuale ed emotivo che descrive i nostri tempi, che hanno reso il suo autore una delle voci che oggi accusano con più ferocia e spietatezza. Ovviamente anche il linguaggio registico di Rodrigo Garcìa aderisce perfettamente ai toni sempre in apparenza monologanti dei suoi personaggi, portando solitamente gli attori a dire il testo, nel modo più naturale possibile e bandendo ogni facile fuga nel patetico e nell'emotività, direttamente in faccia al pubblico.


Dettagli — Guarda il trailer —


Medea Black


di: Michel Azama
regia: Massimo Di Michele

"Io sono nella notte e l'estate è passata vado verso il freddo e la neve, cado in questa oscuritá e mi perdo."

Medea Black è nato come un progetto di regia richiesto da un gruppo di non professionisti, e si è trasformato in uno dei lavori più interessanti di Massimo Di Michele, una messa in scena in cui è evidente che qualcosa sta cambiando nel linguaggio visivo del regista, nell'uso della luce ad esempio, della musica e del "coro".


Dettagli —

Affettati all’italiana


di: Francesco Ghiaccio
regia: Massimo Di Michele

"Lavoro? No, non dire lavoro... PRECARIATO!"

Una sperimentazione giocata su un circuito di corrente continua tra attori, autore e regista. Il tema è quello del disagio e della precarietà a tutti i livelli. E' di scena una famiglia italiana, legata da generazioni ad un ristorante, La fuga, che ormai non fa più affari. Tre generazioni si incontrano e intersecano i propri destini in un punto, la precarietà di ogni cosa.


Dettagli —


Il funerale del padrone


di: Dario Fo
Regia: Massimo Di Michele

Dal genio di Dario Fo, Premio Nobel per la letteratura, un'occasione divertente e divertita per affrontare un tema quanto mai attuale come quello del lavoro e della libertà d'espressione. Il funerale del padrone è un atto unico tratto dallo spettacolo Legami pure, tanto spacco tutto lo stesso, che debuttò a Genova nel 1969.


Dettagli —

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
E RIMANI INFORMATO SULLE NOVITÀ